La fotocopiatrice è senza dubbio uno degli acquisti più importanti per un ufficio o luogo di lavoro. È un investimento economico importante e, pertanto, deve essere fatto nel migliore dei modi, conoscendo i modelli a disposizione e optando per quello più adatto alle proprie esigenze.
Le fotocopiatrici in commercio possono essere suddivise in due grandi categorie, inkjet e laser, che ne determinano la modalità di digitalizzazione e stampa.
Nelle fotocopiatrici inkjet l’inchiostro è proiettato sul foglio in piccole gocce. La stampa in questo caso è effettuata in vari passaggi, in quanto il foglio, idealmente, è diviso in strisce sulle quali viene poi “sparato” il colore.
Nelle fotocopiatrici laser, invece, si utilizza un laser per modulare i pixel della pagina originale. Questa sequenza codificata viene poi inviata a un tamburo rotante la cui carica elettrica diventa da positiva a negativa nei punti in cui il raggio laser ha colpito. Il tamburo polarizzato va quindi ad attrarre per opposizione di carica elettrica una polvere situata nel toner, che viene attratta al foglio di carta mediante il tamburo e grazie al calore si attacca alla pagina.